closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Napoli centrale

Il blitz di Anonymous sveglia la city

 

Manichini bianchi impiccati ovunque. Napoli si è svegliata così e anche chi non aveva voglia di pensarci ci ha riflettuto su. Crisi economica, disoccupazione, suicidi, Equitalia. “Vi metteremo alle corde”, è questo il messaggio dei senza lavoro organizzati, sostenuti anche da attivisti dei centri socilia. Nelle strade prinicipali del centro storico, decine di cartelli con gli “impiccati”, c’è lo “studente”, il “disoccupato”, il “precario”, “l’esodato” ma ci sono anche tutti quei lavoratori che come ha detto l’Istat vengono stritolati dall’inflazione con una busta paga ferma al ’93, 20 anni fa altro periodo difficile per il paese.

Piazza del Gesù, piazza Dante, via Forio, via Toledo, piazza Municipio davanti alla sede del Comune di Napoli, tutti i pupazzi hanno la faccia di Anonymous, simbolo degli indignati e protagonista del film V per vendetta del regista James McTeigue. Una pellicola simbolo dei movimento da quasi dieci anni.

E anche nella realtà “i vendicatori” chiamano in causa tanto la politica quanto le banche, la Bce, l’Fmi, l’Ue come responsabili. “Alcuni commercianti che avevano appena aperto i negozi- hanno raccontato i manifestanti – ci hanno anche aiutato a fissare ben in alto i manichini prestandoci corde e scale”. Per tutti l’appuntamento è il 29 maggio a Roma per chiudere Equitalia.

  • Milli Violante

    Manichini che danno la sveglia . E dire che io soffro di insonnia