closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

I mortacci di Romney

Not Ikea

Discreta polemica ha sollevato la notizia del battesimo mormone postumo dei genitori del celebre cacciatore di nazisti Simon Wiesenthal. Dell’indignazione per i battesimi dolosi effettuati dalla  chiesa di Salt Lake City si e’ fatto interprete il nobel Eli Wiesel; “scandalizzato” per le conversioni a tradimento Wiesel ha chiesto pubblicamente a Mitt Romney, candidato repubblicano e mormone, di intervenire affinche’ cessi il subdolo proselitismo dei morti, chiaramente incapacitati nell’intendere e nel volere. Wiesel e’ parte in causa non solo come portavoce della comunita’ ebraica e testimone storico dello Shoah,  ma anche visto che il suo nome, e quello dei propri genitori, e’ stato anch’esso rinvenuto sulla lista d’attesa battesimale di Salt Lake. Eh si, perche’ i Mormoni, notoriamente ossessionati dalla discendenza dei propri adepti, le cui parenetele sono meticolosaemnte documentate in un ciclopico database immagazzinato in un sotterraneo scavato nelle montagne Wasatch dello Utah, non sono genealoghi cosi’, per sport,  ma anche per la precisa missione di convertire il massimo numero di accoliti al loro “tardivo” vangelo di Cristo nel nuovo mondo, vivi o morti che siano – va bene uguale. Non per niente i giovani mormoni che raggiunta la maggiore eta’  hanno l’incarico  di procacciare proseliti in giro per il mondo per due anni, hanno come missione collaterale quella di raccogliere anche registri di deceduti in anagrafi, parrocchie e sinagoghe – per l’eventuale conversione post-mortem. Prassi nata forse dalla constatazione che gli infedeli deceduti si mostrano molto piu’ docili dei propri correligionisti respiranti, i quali  spesso  recalcitrano  quando inviatati a cambiare squadra. Poi ci si meraviglia che e’ il mormonismo da anni registra infila record su record per religione in crescita! Tant’e’, stavolta avrebbero esagerato, ma non siamo sicuri che Romney sia la persona idoena per la lamentela: infatti la sua famiglia ha battezzato postumamente il suocero del candidato, padre della signora Romney che in vita era scienziato e ateo convinto. Dice, “ma io veramente sarei stato agnostico..” Bravo, cosi’ magari ti becchi l’eternita’ nel limbo! Personalmente non capiamo tutta questa agitazione, la cerimonia e’ gratis, interamente a carico della Latter Day Saints, compresi paramenti e  battistero con caratteristico tema Mitraico (i buoi raffigurati sopra  rappresenterebbero in realta’ le 12 tribu’ di Israele…..ah ma allora li volete proprio stuzzicare!) e magari poi  si scopre che avevano ragione loro. L’unica cosa….ma non si potrebbe fare  la doppia cittadinanza?

battesimo coatto somministrato da un missionario