closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
FranciaEuropa

Hollande: sostegni a 360°

I sondaggi confermano la vittoria di François Hollande il 6 maggio, con un ampio margine rispetto a Sarkozy. Al primo turno, il candidato socialista e il presidente uscente sono più o meno alla pari, intorno al 27%. Oggi, le dichiarazioni di voto a favore di Hollande si sono moltiplicate. Dopo alcune dichiarazioni di sportivi, un gruppo di economisti ha preso posizione con un testo a favore di  Hollande: tra i firmatari, Michel Aglietta, Thomas Piketty, Daniel Cohen, Elie Cohen, Jean-Hervé Lorenzi. Il candidato socialista dà prova, ai loro occhi, di “credibilità e tolleranza”. A favore di Hollande si è dichiarata Corinne Lepage, avvocata ed ex ministra dell’ambiente del governo di Alain Juppé. Eva Joly ha accolto male questa dichiarazione di voto, ma per Lepage, l’ecologia “ha bisogno di un avvocato, non di un giudice”, un riferimento polemico all’ex professione della candidata di Europa Ecologia-Verdi. Un altro ex ministro di un governo di destra, Martin Hirsch, creatore dell’Rsa (il reddito di inserzione, realizzato e poi snaturato da Sarkozy), ha fatto sapere che voterà Hollande. Secondo un’indiscrezione, anche la famiglia Chirac avrebbe scelto a grande maggioranza di votare per il candidato socialista: non solo più l’ex presidente, Jacques Chirac, che si era lasciato scappare che avrebbe votato Hollande (l’entourage l’aveva attribuito alla sua senilità) ma anche la figlia Claude e l’ex marito, oltre ad alcune personalità che avevano lavorato con l’ex presidente. Nella famiglia Chirac, solo la moglie Bernadette è schierata a fondo con Sarkozy, al punto che ha dovuto scusarsi ed attribuire alla stanchezza una frase infelice pronunciata contro Hollande (“Hollande non ha la statura da presidente”). Hollande ha scherzato, quando un sondaggio ha rivelato che per i francesi, in effetti, Sarkozy ha una maggiore statura da presidente, mentre il socialista è più simpatico: “la statura da presidente si acquisisce quando si viene eletti – aveva commentato Hollande – mentre per la simpatia…” non c’è nulla da fare.