closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Hey Joe

xlieberman

Un decennio iniziato con un elezione rubata, proseguito con il piu’ grande attentato terroristico della storia, lo scoppio di due guerre sanguinose, poi la cancellazione di una citta’, New Orleans, lasciata annegare da Bush, e conclusosi con la peggiore crisi economica in 70 anni. Una decade aperta e chiuso nel segno di Joe Lieberman che ieri ha da solo decretato la morte della riforma Obama della sanita’ – almeno del disegno che prevedeva l’”opzione pubblica”, cioe’ la possibilita’ di una previdenza statale accanto al cartello monopolistico delle assicurazioni private. Ma Joe, essenziale sessantesimo voto democratico per superare l’opposizione repubblicana, che pur fino a tre mesi fa si era pronunciato a favore, ha detto “no” al “socialismo strisciante”. Proprio come in quei giorni caotici del  2000, quando in piena conta di voti fra Bush e Gore era stato sempre lui, il candidato vicepresidente, ad alzare per primo la bandiera bianca e regalare al mondo 8 anni di Bush. Dopo essere stato radiato dal partito democratico si e’ripresentato senatore del Connecticut  da indipendente al servizio delle sue  principali lobby: Big Pharma e Israele. L’anno scorso aveva fatto campagna contro Obama dal palco della convention repubblicana. Ieri e’ tornato alla sua postazione di super franco-tiratore  assassinando una legge che avrebbe dato assistenza medica a 40 milioni di Americani