closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

%%&@#* Guidos

shorejpg-a14c0a054689f7f0_large

E’ partita, preceduta da lunghe polemiche, l’ultima serie reality di MTV USA titolata Jersey Shore, con riferimento al litorale popolare del New Jersey meta prediletta di giovanotti palestrati , brillantinati e tatuati di italica estrazione e le loro compagne siliconate. Il promo dell’emittente promette ricche escandescenze  “dei mejo guidos” (guido e’ un aggettivo derogatorio applicabile ad una particolare sottospecie di italoamericano microcefalo  di habitat prevalentemente East Coast).

E’ solo l’ultimo esempio di un sottogenere dedicato alle piu’ cafone  intemperanze  del coatto italoamericano nativo che  ha prodotto gioielli del calibro di Growing up Gotti che un paio di anni fa seguiva le gesta dei figli del capomafia John Gotti e della loro platinatissima madre alle prese con l’iperconsumo quotidiano e lunghe sedute di lampade abbronzanti.

Malgrado i ragazzotti potagonisti di Jersey Shore, pronipoti della febbre del Sabato Sera si autodefiniscano fieramente dei “guidi”, sono arrivate puntuali se pur scontate  le proteste di associazioni italoamericane che hanno deplorato l’ennesimo attacco agli italiani d’America mediante la propagazione di stereotipi denigratori.

Assai ragionevole a questo riguardo  il consiglio di Andrew Wallenstein, notista del Hollywood Reporter che spiega alle associazioni di difensori dell’italianita’ che ogni lettera di protesta  contro questo  o quel programma (celebre la campagna contro i Sopranos)  equivale ad uno spot pubblcitaro gratis per l’offensore in questione. Due settimane fa le associazioni erano riuscite a far ritirare questa parodia mafiosa in una pubblicita’ di un fast food, notando diligentemente che “non tutti gli Italiani sono mafiosi”

Nel caso specifico, il trash televisivo sembra invece una vera specialita’ di nicchia  in cui eccellono gli oriundi italici (come nota Wallenstein lo stereotipo dell’italoamericano “rumoroso, libidinoso e  scurrile” e’ fatto apposta per la TV).  Sorge insomma il lecito dubbio di una vera vocazione genetica.  Chi glielo spiega ai paladini che in America si battono per l’italico onore che nella madrepatria martoriata dai Corona, i Tarricone e fratelli piu’ o meno grandi, la battaglia e’ ormai persa da un pezzo?.