closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Golfo Nero: l’incubo si espande

Una delle mappe delle previsioni NOAA. In rosso le coste su cui il petrolio e' gia' arrivato.

Ogni giorno la National Ocaenic Atmospheric Administration (NOOA) dirama una mappa con le previsioni sulla posizione della gigantesca macchia di petrolio nel Golfo del Messico per le prossime 24-72 ore. Le stime vengono fatte in base a dati satellitari, osservazioni dei sorvolamenti e l’elaborazioni di modelli delle correnti marine. Le mappe come quella qui sopra sono la rappresentazione geografica dei peggiori timori  della regione. Per le scorse due settimane la gente in Lousiana, sul bayou, le paludi dell’’hinterland di New Orleans e nello sterminato delta acquitrinoso del Mississippi  – un paesaggio piatto come lo stesso mare che si estende verso 100 km a sud della citta’, vero la foce del fiume  ha pregato per un miracolo. Ma col fallimento della cosidettea cupola , il disperato tentativo di tappare la falla di greggio, l’incubo sembra inevitabilmente  destinato a diventare realta’. Le prima palle di catrame stanno arivando sulle spiagge dell’Alabama a centinaia di miglia dall’”epicentro” e il petrolio sta insozzando i banchi di sabbia delle isole barriera e le loro risreve naturali di pesci, delfini, tartarughe e ucclli migratori. Piu’ drammatico per i pescatori del bayou,  le correnti che stanno spingendo l’olio  a ovest della foce dove le ricche colonie di ostriche e i bacini salmastri di gamberi costituiscono il sostentamento di migliaia di famiglie. E dalla crosta terrestre perforata a 1500 metri di profondita’, il greggio continua a sgorgare incontrollato.

vendita diretta di gamberi sul Bayou, Larose, La.
  • Nali

    Mi sento molto preoccupata, soprattutto perché non c’è molta preoccupazione intorno a me, tutto continua come se niente fosse. Probabilmente sarà il più grave disastro ambientale della storia, perché non ci allarmiamo?

  • http://ipsediggy.splinder.com iggy

    5.000 barili al giorno è la stima, pare, in difetto.
    1 barile equivale a 42 galloni.
    1 gallone è pochissimo meno di 159 litri.
    5.000*159=795.000 litri al giorno. dal 20 aprile.
    altroché disastro..