closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

God & Guns

electionnightguns

Bastano un paio di centinaia di miglia a dare la misura dell’attuale stato d’animo della destra americana. Come e’ noto a chiunque abbia fato un viaggio in macchina nell’hinerland americano,  appena passate le periferie delle grandi citta’, si affievolisce il segnale della modulazione di frequenza e l’autoradio comincia a vomitare la fiele dei talk show delle onde medie, la voce dell’integralismo di destra che come ho gia’ notato questa settimana, orfano dell’inquadratura neocon nel partito repubblicano, sta dando segni di squilibrio.  E da qualche settimana il fiume di vetriolo e’ in piena. Le politiche dell’amministrazione Obama stanno scatenando l’apoplessia della cosiddetta frangia lunatica. La  retorica “estremista” cooptata dal populismo repubblicano e’ ora  lasciata in balia dell’infiammatoria demagogia della talk radio e sta raggiungendo livelli di guardia. Per il popolo delle bibbie, pistole e croci, ogni iniziativa di Obama e’ benzina sul fuoco di un odio pastoso; l’apertura sull’immigrazione: anatema, il  dialogo con Cuba e Iran: alto tradimento, la rinuncia della tortura: criminale disfattismo,  il progetto sulla sanita’: comunismo, per il paradossale teorema per cui la medicina sociale per tutti viene attaccata rabbiosamente proprio dal popolo working class che piu’ avrebbe da guadagnarci. Fino alle varianti piu’  bizzarre della complottologia crepuscolare e apocalittica: la presunta non-cittadinanza di Obama, candidato, e ora presidente “manciuriano”, la sua supposta segreta fede islamica, la promozione delle ferrrovie ad alta velocita’: un assalto alla liberta’ di scelta automobilistica degli Americani. Abbastanza per reclamare la secessione del Texas e fomentare la rivolta fiscale. Tutto parte parte del format di destra, si,  ma  possibilmente  anche qualcosa di piu’ sinistro come ha rilevato appunto il rapporto del DHS: una possibile recrudescenza dell’intolleranza che in anni clintoniani ha portato alle milizie, gli attentati di Timothy McVeigh e i conflitti armati di Waco e Ruby Ridge.