closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Gay News

In Vermont il parlamento rovescia con maggioranza di due terzi, il veto posto dal governatore e legalizza i matrimoni gay, a ruota Washington DC decide di riconoscere  i matrimoni contratti dagli omosessuali negli stati che lo consentono, oggi oltre che appunto al Vermont, sono il Massachussets, il Connecticut e prossimamente lo Iowa.

gay-kiss

Disegni di legalizzazione verranno presto introdotti  in New Hampshire e New York. Intanto entro un mese si attende la sentenza della corte suprema della California che dovra’ decidere sul ricorso presentato dal movimento fondato da Harvey Milk, per invalidare il referendum che a novembre  ha sospeso i matrimoni precedentemente legalizzati  in questo stato (e la sorte delle 18000 coppie gay sposatesi lo scorso anno). Un maggioranza degli americani si dichiara  ancora sfavorevole al matrimio gay (54% – 46%) ma i tribunali, e i parlamenti, stanno sposando sempre piu’ frequentemente la tesi della tutela delle minoranze. Spostando la questione dalle culture wars sul terreno dei diritti costituzionali.  Per quanto ci riguarda  concordiamo con chi sostiene che la soluzione defintiva e laicamente coerente sarebbe di lasciare allo stato l’unica competenza di siglare le unioni civili, e ad ogni coppia la propria preferenza religiosa o culturale.