closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Fast Food Nation

orto-21Il comunicato stampa di lady California, alias Maria Shriver, era leggermente patetico nel palese scimmiottamento di Michelle Obama, apparsa giusto il giorno prima sulle prime pagine di mezza America con il rastrello in mano nell’atto di seminare l’orto nel giardino della casa bianca. Tant’e’, la signora Kennedy-Schwarzenegger si e’ allineata alla linea entusiasticamente obamista (corrente hollywoodiana) del marito ed ha annunciato che pure il campidoglio di Sacramento avra’ il suo orto “commestibile” per promuovere una cultura dell’alimentazione sana e genuina. Al di la della lecita ironia di queste neo-coldirette in tailleur, e’ opportuno ricordare che la richiesta di simbolici giardini “slow” al posto dell aiuole ornamentali del potere, era una richiesta inserita originalmente nel manifesto di Food Democracy, scaturito dagli stati generali di Slow Food Nation tenuti a San Francisco a settembre. Un assembramento del movimento dell’alimentazione alternativa (c’erano tra gli altri Sandro Petrini, Vandana Shiva, Michael Pollan, Alice Waters) che da mesi fa inoltre pressione sul governo Obama per strappare il ministero dell’agricoltura dalle grinfie dei conglomerati agroalimentari multinazionali, delle cui politiche (globali) e’ da anni succube strumento. Impossibile esagerare l’importanza di un inversione di tendenza dunque in questo paese disperatamente ipercalorico dove macdonalds e burger king cingono d’assedio le scuole dei quartieri disagiati per aspettare al varco i rgazzi neri e ispanici, in cui l’alimentazione industriale ha rimosso dal cibo ogni dimensione ludica e culturale facendone semplice bene di consumo per una subalterna classe fast-food. Se puo’ servire ad una presa di coscienza, ben vengano quindi anche gli orti di Schwarzi e Barack

  • Ernesto Fagiano

    Ho vissuto per anni negli States e ritrovo sempre , negli articoli di Celada , quelle note che mi avevano copito quando abitavo in California .
    Sono d’accordo : un’orto biologico è un segnale non da poco . Se lo proponessimo a Bassolino ???

  • Gerri71

    Ottima scelta…ma mi pare un po’ poco da una nazione che è causa del deforestamento dell’amazzonia per far pascolare le McVacche…