closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Islamismo

Falluja, le piccole vittime delle armi chimiche

Sono passati sei anni da quando avevamo visto le nuvole bianche illuminare il cielo di Falluja, la città più martoriata e distrutta dell’Iraq. I profughi rientrati nella città  dopo i bombardamenti mi avevano raccontato di una polverina bianca depositata su tutti i mobili di casa, che appena si toccava provocava la rottura delle vene. I militari americani avevano allora raccomandato alla popolazione di ripulire tutto con detersivi speciali, di non toccare la verdura coltivata in quei campi, di non mangiare animali allevati nella zona e di non concepire bambini. Ma ci volle del tempo prima che alcuni militari americani ammettessero l’uso del fosforo bianco per bombardare Falluja, una micidiale arma chimica portata dall’esercito americano per combattere Saddam che non possedeva più armi di quel genere, ma con il pretesto del possesso di armi di massa era stato attaccato.

Sono passati sei anni e si vede il risultato: bambini nati con tre teste, con sei dita, con un solo occhio, con difetti al sistema nervoso (nel 2003 si riscontrava un caso sui bambini nati in un mese, ora un caso al giorno) e soprattutto con problemi cardiaci, i difetti congeniti al cuore riguardano 95 neonati ogni mille, tre/quattro casi al giorno, una percentuale 13 volte più alta di quella che si registra in Europa.

Effetti della guerra, danni collaterali. Una tragedia per il futuro dell’Iraq, non nuovo a simili tragedie. Non era forse giù successo con le armi all’uranio impoverito usate durante la prima guerra del Golfo? In attesa della seconda guerra avevamo visitato ospedali senza medicine (a causa dell’embargo) dove venivano ricoverati bambini con ogni tipo di deformazione. Immagini raccapriccianti come quelle che ci arrivano oggi da Falluja.

Gli americani dicono di non essere in possesso di nessun rapporto che indichi gli effetti della guerra sulla popolazione, ma per loro si tratterebbe comunque semplicemente della guerra. Quella che ha come principali vittime le donne e i bambini. Soprattutto quelli di Falluja sottoposti a due offensive, in aprile e in novembre del 2004, che avevano distrutto la città. Perché? Perché era diventata per gli iracheni il simbolo della resistenza contro l’occupazione e prima delle elezioni del 2005 occorreva distruggerla.

Per noi, pacifisti, un unico rammarico quello di non essere riusciti a fermare quella guerra voluta da Bush e alleati, come giornalista, di non aver potuto denunciare più efficacemente l’uso del fosforo bianco per interromperne l’utilizzo ed evitare di trovarci di fronte agli effetti su piccoli corpi di bambini che hanno l’unica colpa di essere nati in un paese che doveva essere il giardino dell’Eden e invece è diventato l’inferno.

  • paolo1984

    La guerra in Iraq è stata orribile come tutte le guerre e nel caso specifico basata su menzogne e su una idea fallimentare di “esportare” la democrazia con le bombe. Comunque mi sembra che lei, Giuliana, nel suo ritorno in Iraq abbia visto anche una voglia di ricominciare nei suoi abitanti e anche un notevole attivismo e impegno da parte delle donne irachene.

  • giuliana

    @ paolo, questo è vero ma i costi della guerra e dell’occupazione sono molto pesanti e ci vorranno anni per superare questa situazione, ma certo la popolazione irachena sembra avere gli strumenti per riprendere in mano il proprio futuro
    g.

  • S.M.

    Giuliana ti voglio bene. Meno male che ci continui a informare in questo strano mondo ‘virtuale’ in cui si pensa di sapere tutto e invece non si sa niente.