closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Quinto Stato

Expo: lavoro gratis per 18.500 giovani

expopolis4

Immagine dal libro di roberto maggioni “Expopolis” pubblicato da agenzia X

L’accordo sulla flessibilità del lavoro a termine e sugli stage per l’Expo 2015 – firmato ieri dai rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl, Uil, Filcams Cgil, Fisacat Cisl e UilTucs con l’amministrazione delegato di Expo 2015 Giuseppe Sala – prevede l’assunzione di 835 persone mediante contratto di apprendistato da 7 o 12 mesi. 340 giovani under 29 anni parteciperanno ad un percorso formativo rispettivamente di 70 e 120 ore per il conseguimento delle qualifiche di «operatore Grande Evento», «specialista grande Evento» o di «tecnico sistemi di gestione Grande Evento».

A partire dal 2014 verranno assunti altri 300 lavoratori per i ruoli di supporto e segreteria e 195 stagisti con un rimborso da 516 euro mensili. Una parte di queste assunzioni a termine, il 10%, verranno effettuate tra i lavoratori che si trovano in cassa integrazione straordinaria o in deroga, sono in mobilità o in disoccupazione. Con ogni probabilità, al termine dell’esposizione, torneranno ad essere tali. Il protocollo siglato dalle parti sociali prevede inoltre 18.500 volontari che dovranno alternarsi in «attività ausiliare» al ritmo di 475 per cinque ore al giorno nei sei mesi di durata dell’Expo.

Il loro impegno, si legge nel protocollo d’intesa, dev’essere svolto esclusivamente «con uno scopo di partecipazione, solidarietà e pluralismo». L’accordo è stato salutato ieri dal presidente del Consiglio Enrico Letta come «un’ottima intesa la cui base può essere applicata a livello nazionale». Maurizio Sacconi auspica invece l’abolizione della causalità dei contratti a termine. Ribadisce la necessità di convertire rapidamente il decreto «Letta-Giovannini» che elimina la «causalità» sul primo contratto e preme per un secondo decreto nel mese di settembre «una volta esperito il tentativo di avviso comune tra le parti sociali». In realtà, l’intesa tra le parti sociali ha raggiunto un compromesso stabilendo una causalità vincolata all’«avvio e presidio dei servizi».

 Gli apprendisti e i lavoratori a termine potrebbero così sperare di lavorare anche fino a 12 mesi, augurandosi di tornare a lavorare a termine in altri «grandi eventi» milanesi come il salone del mobile o la settimana della moda. I sindacati e il comune di Milano hanno dichiarato la propria soddisfazione. Per i primi conta il fatto di avere inquadrato il limitato numero di apprendisti Expo nel contratto nazionale sul terziario, distribuzione e servizi. «L’intesa – ha detto il segretario generale della Uil Milano Walter Galbusera -dà una risposta equilibrata alle forti esigenze di flessibilità connesse all’evento». Per il segretario Cgil Milano Graziano Goria, l’accordo rappresenta un esempio da seguire «quando apriranno i cantieri per la realizzazione delle varie opere legate all’esposizione». Cristina Tajani, assessore al lavoro del comune di Milano, ha rilanciato l’aspetto «innovativo» delle formule che regolano l’apprendistato e il volontariato.

 Chi ha spiegato meglio il merito dell’intesa è stato l’Ad Expo Sala secondo il quale l’intesa «dimostra come si possa flessibilizzare e derogare in materia di lavoro». Su questo obiettivo sembrano convergere tutti, anche le più alte cariche dello Stato che considerano l’economia dei «grandi eventi» il «volano della ripresa economica». Sempre ammesso che ci sia, questa «crescita» prevede la creazione di un limitato parco di apprendisti precari specializzati e di un larghissimo uso di lavoro gratuito. Questo è stato sempre il modello per lo sviluppo delle economie immateriali in Italia. Quella milanese non ha mai fatto eccezione. Oggi la novità è che le parti sociali, e il governo, esprimono un consenso diffuso sulla generalizzazione di questa organizzazione postfordista del lavoro, sia pure nel quadro della contrattazione nazionale. ‘No a deroghe per legge ne’ deroghe nazionali” afferma il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, secondo la quale ”non serve una deregolazione generale”. Camusso sottolinea anche che la ”flessibilita’ contrattata e’ una realta’ della contrattazione sindacale da un tempo infinito”.

 Eleonora Voltolina (Repubblica degli stagisti) si concentra su un altro degli aspetti dell’intesa “modello” per la crescita economica. Nel totale dei nuovi “occupati”, cioè degli “apprendisti”, non dovrebbero essere conteggiati i 195 stage che non sono contratti di lavoro come invece sostiene la posizione ufficiale delle parti sociali e del governo. Si deve parlare di 640 assunzioni. 

 “195 stage a fronte di 640 assunzioni e’ un rapporto sproporzionato – afferma –  Bisognerebbe poi conoscere con esattezza a quanto ammonti l’attuale organico totale della società Expo, da aggiungere a queste assunzioni prossime venture, per calcolare in maniera esatta la proporzione: in teoria la legge in vigore in Lombardia prevede un tetto del 10%, dunque per accogliere 195 stagisti Expo dovrebbe avere 1950 tra dipendenti e collaboratori. Ci chiediamo in effetti se ce li abbia, o se questo accordo sia stato fatto anche in deroga alla legge sugli stage”.

 Poi c’è un altro problema: l’apprendistato e’ una tipologia contrattuale basata sull’assunto che l’azienda assume un giovane inesperto e gli offre un contratto a causa mista, con formazione e lavoro insieme. L’intesa tra le parti sociali prevede che l’apprendista svolga ore di formazione ‘on the job’ a fianco di qualche esperto. Quanti esperti, regolarmente assunti nella società Expo ci sono per seguire questa attività di formazione?  

 “Con tali premesse, ci chiediamo – continua Voltolina – se esiste un numero sufficiente di professionisti in grado di, e disponibili a, seguire passo passo la formazione di ciascuno degli apprendisti?”

Domande che troveranno solo tra qualche mese una risposta. Per il momento vale la politica dell’annuncio: 640 assunzioni sembrano risolvere i problemi del mercato del lavoro italiano. 

 Questi aspetti non sono sfuggiti al sito milano-fiera.net che conduce un’inchiesta permanente sul laboratorio Expo.

 Uno dei suoi redattori, Andrea del centro sociale Fornace e del Punto San precario, osserva che l’accordo ha messo nero su bianco che un grande evento può essere gestito con il lavoro gratuito. «Si premura di indicare che le attività dei volontari saranno e “non professionali” – afferma – Non è così perché i volontari vengono formati nelle scuole attraverso progetti come “Genexpo” promosso dal Comune di Rho e dalla Provincia di Milano». Nelle scuole milanesi sarebbe in corso un processo di formazione «informale» che ricorda quello delle guide turistiche che sono, come noto, una figura professionale. I 18.500 volontari non potranno tuttavia aspirare a questo titolo. Per l’Expo, e per l’intera nazione, resteranno liberi prestatori d’opera, diffusori dei «valori etici» nell’economia dei grandi eventi.

+++

Leggi anche: Expo 2015: precarietà si, ma con giudizio

+++

Guarda il video-inchiesta: No expo 2015 – Milano