closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Street Politics

Egitto: il convoglio per Gaza Music for Peace bloccato ad Alessandria

35217-1

Restano ancora bloccati ad Alessandria i cinque italiani della ong genovese Music for Peace, diretti a Gaza.  «Avevamo tutti i permessi in regola. Guidavamo una carovana con una mercedes e sei container, in uno dei quali erano contenute 120 tonnellate di materiale», spiega al Manifesto Stefano Rebora, responsabile del gruppo che, per la quinta volta dall’operazione Piombo fuso, raggiunge Gaza. Questo episodio rivela la totale assenza di sicurezza nel Sinai e il precario controllo delle forze di polizia nell’area. «L’ipotesi più plausibile è che la polizia – prosegue Rebora – non sia stata in grado di formire la scorta minima: un poliziotto per ogni convoglio. Per questo hanno addotto dei motivi burocratici e ci hanno chiesto di rivolgerci alle autorità diplomatiche». Non è la prima volta che il convoglio (carico di medicinali, cibo e apparecchiature mediche) ha subito intimidazioni, nel 2010 sono rimasti bloccati 31 giorni al valico di Rafah.