closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Antiviolenza

Donne state a casa e fate figli!

Camillo Longone io non lo conoscevo, o forse non leggo le cose che scrive, ma oggi mi capita sotto gli occhi questo titolo: Togliete i libri alle donne e torneranno a fare figli, e scopro che si tratta di un articolo firmato appunto da Camillo Longone sul quotidiano Libero, che decido di leggere perché mi riguarda: perché sono una donna, grande, laureata, giornalista e ho una figlia soltanto perché, essendo troppo indaffarata tra i libri, ho deciso di non mettere al mondo un asilo nido.  Che dire della lettura dell’articolo di Longone: sconcertante? Vergognoso? Privo di senso? Delirante? Assurdo? Senza base logica? No, semplicemente violento. Violento nel linguaggio, nell’ideologia, violento nei messaggi che comunica, violento verso le donne come genere, come esseri umani che, secondo Longone, sono incapaci di discernere se è meglio mettere al mondo figli come conigli o cercare di vivere come persone umane. Violento nelle intenzioni, perché portare come esempi i numeri della natalità di paesi come Niger e Uganda, in cui le donne vengono martoriate, stuprate, uccise, e i bambini che mettono al mondo, se non muoiono prima, possono essere arruolati come soldati, è assecondare la violenza che questa parte di mondo subisce. Violento e razzista, quando parla dei barconi che arrivano in Italia da paesi in conflitto come la Libia o la Siria, dove la gente scappa per non morire ammazzata sotto tortura, con donne e bambini, anche lì, che hanno subito ogni tipo di violenze fisiche e sessuali. Violento nei modi, perché manipolare i numeri per dedurre che se le donne scolarizzate fanno meno figli, allora non devono studiare ma stare a casa e badare alle culle, è come riportare le donne al Medioevo e non avere rispetto per quelle che ancora oggi non andranno a scuola ma si sposeranno a 8-9 anni, o poco più che adolescenti, con uomini che non conoscono perché quello è il loro destino. Ma perché lo fa? Forse invidia perché lui ha solo un diploma in Agraria? Poi leggo che Longone ha anche scritto sul Foglio dell’anno scorso: “Genitori che avete una figlia in età da università: se volete nipotini che vi tramandino e che la realizzino, risparmiate sulle tasse universitarie e regalatele un bel vestito” (Il Foglio, 1.9.2010). Ma allora quest’uomo è recidivo, odia il genere femminile, è misogino, che problemi ha? Auspicherei che prima o poi qualcuno smettesse di mettergli la penna in mano perché chi permette la diffusione di ideologie violente e sessiste come queste non è da meno di chi le scrive.

L'articolo pubblicato da Libero