closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Delitto e Castigo e Denuncia

californiani coatti

Seduta della corte suprema a Washingon sulla questione delle prigioni californiane. Come abbiamo gia’ raccontato su queste pagine le patrie galere del Golden State sono un azienda che tira: attorno ai 33 penitenziari che ospitano sui 170000 detenuti (un record nel paese in cui e’ incarcerata la piu’ alta percentuale della popolazione al mondo – piu’ di 2 milioni in tutto) vive una intera economia. E’ il famigerato “prison-industrial complex” che genera maxi-finaziamenti pubblici e crea 70000 posti di lavoro gestiti da una delle corporazioni piu’ potenti: il sindacato delle guardie carcerarie, efficace lobby per leggi sempre piu’ severe che a loro volta generano piu’ detenuti.  Un circolo vizioso che ha prodotto insopportabili condizioni di sovraffollamento. Il governo federale ha da tempo intimato alla California di risolvere la situazione che provoca un tasso di suicidi doppio di quello nella popolazione  generale, e la quasi inesistenza dell’assistenza media in un sistema al collasso. Per rimediare ad una situazione giudicata incostituzionale Washington vorrebbe imporre a Sacramento di liberare da 30000 a 40000 detenuti. Sul ricorso californiano dovra’ ore decidere la suprema corte.