closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Commedia all’americana

E’ morto in texas il papa’ dei Mujaheddin e dei Talebani, “facilitatore” di un paio di generazioni almeno di fondamentalismo afghano. Charlie Wilson, parlamentare repubblicano, era diventato noto quando da presidente di commissione negli anni ‘80 era stato entusiasta fautore, in collusione con gruppi di estrema destra,  del finanziamento occulto di guerriglieri impegnati nella jihad anti-sovietica. Una operazione di counter-insurgency in pieno stile guerra fredda che aveva sovvenzionato a forza di spedizioni di armi e imbeccate della CIA pure l’emergente milizia jihadista di un certo Osama Bin Laden. Vabbe’ ma perche’ stare sempre a guardare il capello? Si sa in fondo che la giusta lotta contro gli imperi del male del secolo americano ogni tanto producono uno squadrone della morte qui o un terrorista la’ – effetti inevitabili  delle guerre sante. Deve averlo pensato anche Tom Hanks quando un paio di anni fa aveva avuto l’idea di raccontare in chiave di screwball comedy la storia di Wilson, (Charlie Wilson’s War)  politico piacione ma patriotico che fra una segretaria sedotta e un cocktail party trovava il tempo di foraggiare la guerra  sull’Hindu-Kush. Operazione di satira dadaista? Ahime’ no;  l’attore-produttore (speciliazzato oggigiorno in retoriche celebrazioni di eroismo militare in miniserie come Band of Brothers e la prossima Pacific) aveva respinto eventuali responsabilita’ americane nello sviluppo dell’attuale vespaio inetgralista in Afghanistan e nel mondo: “non si poteva sapere allora – disse durante la promozione del film – stavamo combattendo un male maggiore”. Giusto,  bene. Parole sante. Solo che da Mossadeqh a Salvador Allende gli scheletri nell’armadio della globale  dottrina Monroe americana si sono affastellati fino ad  accompagnarci  oggi tragicamente  tutti . Sarebbe forse il caso di assumersene qualche responsabilita’. Wilson che ha decicato la sua vita ad inondare l’asia centrale con un fiume di armi   – e Hanks – non ne hanno sentito mai il bisogno.

  • http://Hudsontogaza@blogspot.com Maurizio Morselli

    La Commedia continua con l’Obamanevole uomo delle Navy!… Piu’ grande Budget militare di ogni altra amministrazione…