closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Charles Saatchi regala tutto all’Inghilterra

Il pubblicitario e collezionista d’arte Charles Saatchi ha fatto sapere che quando andrà in pensione la sua galleria nel quartiere londinese di Chelsea verrà trasformata in un museo dell’arte contemporanea e tutte le opere verranno donate all’Inghilterra. Fra le opere, anche il celebre My Bed, il letto disfatto dell’artista Tracey Emin, acquistato per 150mila sterline da Saatchi nel 1999 dopo essere stato inserito fra i finalisti del Turner Prize, verrà conteggiata nel nuovo Museum of Contemporary Art for London. In totale, la collezione di Saatchi ammonta a circa 200 pezzi per un valore di 25 milioni di sterline. Dopo aver «scoperto» e reso famosi molti degli artisti protagonisti del boom degli anni Novanta – quella generazione racchiusa sotto l’etichetta YBA, da Emin a Damien Hirst fino a Grayson Perry e ai fratelli Chapman – Saatchi, negli ultimi anni, ha preferito concentrarsi su artisti provenienti dall’India, dalla Cina e dal Medio Oriente. «Sono felice – ha commentato Tracey Emin – e vorrei che fossero in tanti ad avere la visione di Saatchi». Il pubblicitario manterrà comunque centinaia di quadri e sculture nella sua collezione privata, che presterà al nuovo Museo di arte contemporanea per mostre temporanee, la prima delle quali sarà nel 2012. Per espressa volontà di Saatchi l’accesso al museo continuerà ad essere gratuito.