closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Cézanne, il maestro che mise all’angolo l’uomo

Dopo di lui, esplose il Cubismo e anche il furore cromatico dei Fauves. Paul Cézanne, il grande artista di Aix en Provence, schivo e roccioso come il Monte Sainte Victoire che immortalò più e più volte, non avrebbe mai immaginato che quella sua ricerca di sintesi del mondo, quell’andare dritto all’essenza delle cose avrebbe radicalmente mutato il corso della storia dell’arte d’Occidente. Per questo motivo, la grande mostra apertasi oggi a Palazzo Reale a Milano è una occasione straordinaria per rileggere un percorso solitario che invece piantò le radici nella comunità creativa dei primi del Novecento e seminò “germi” nuovi e fino ad allora insospettabili. Cézanne e la sua ricerca disciplinata furono un virus non letale, ma fecondo. L’esposizione di Palazzo Reale, a cura di Rudy Chiappini con la collaborazione di Denis Coutagne, può contare sul prestito di una decina di capolavori provenienti dal museo d’Orsay di Parigi, oltre che su molti dipinti arrivati in Italia dalle maggiori istituzioni mondiali. Ritrattista magnifico e poi paesaggista ossessionato dalla potenza della materia e dalla “durezza” dei suoi volumi, Cézanne infranse la prospettiva rinascimentale per reinventare uno spazio meno antropocentrico e più libero, che contemplasse diversi punti di vista e rompesse le “righe”. Lo stesso che poi sperimentarono i cubisti nella “vivisezione” e riassemblaggio del reale che proposero. L’allestimento della mostra è concepito per accompagnare il visitatore nell’universo febbrile di Cézanne, fargli gustare le sue passeggiate nella campagna provenzale, guardare con i suoi occhi la natura circostante, le persone incontrate, gli angoli scelti per dipingere.
Ad accompagnare il visitatore, anche – oltre al catalogo – i tre volumi che Skira pubblica: “Mi ricordo Cézanne” di Emile Bernard, allievo del  maestro e critico d’arte;  “L’architettura di Cézanne”di Vittorio Gregotti e “Le modelle di Paul “(collana  Kids) di Cristina Cappa Legora, divertente storia dedicata ai più piccoli.