closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Quinto Stato

Capire il 32% del Movimento Cinque Stelle

01desk1_apertura dimaio lapresse

Luigi Di Maio, foto LaPresse

La totale incomprensione di un fenomeno politico unico nella storia della repubblica, da parte dell’establishment e della sinistra. L’idea della società e delle alleanze sociali in un paese devastato. E il reddito di base come terreno di battaglia. Perché la politica non è, solo, una questione di percentuali. L’analisi.

***

Come minimo il 4 marzo 2018 ha confermato la spinta a rovesciare gli effetti della crisi e delle “riforme”. Tutto è iniziato nel 2008, l’abbiamo vista, per un breve tratto l’abbiamo intercettata. Al fondo non l’abbiamo capita. Quando avevamo l’impressione di averlo fatto, Grillo raccoglieva le piazze ed esplose dal nulla con il 25% del 2013.

In cerca di analisi

Se si esclude un’analisi dei WuMing, i libri di Giuliano Santoro o di Leonardo Bianchi, negli ultimi cinque anni, non c’è stato un tentativo di riflettere sulla composizione sociale, l’ispirazione, il vettore soggettivo di questa parabola clamorosa che ha conquistato quello che era chiaro già nel 2013: il centro del sistema, che non significa essere solo un “partito postdemocristiano”, ma l’ambizione – vedremo quanto fondata – di essere il sistema, non di ribaltarlo. Quella dei Cinque Stelle non è più- o non è solo – la rivolta di un “popolo” contro una elite. E’ ormai il contrario: la manifestazione del desiderio di farsi governo, la velleità di accreditarsi in quanto parte di un sistema fino a poco tempo fa combattuto. Il cambio di passo  è stato esibito nella campagna elettorale: rispetto al 2013 hanno vinto in quanto opzione “credibile” di governo. Quanto possa essere “credibile” un governo qualsiasi – anche uno che timidamente, come fanno i cinque Stelle evoca una redistribuzione – oggi, nell’Europa del 2018, e in Italia, è tutto da vedere. Ciò che al momento sappiamo è che nessuno ha creduto ai 15 mesi della favola di Gentiloni, una fastidiosa recita su una crescita di cui non è mai stata analizzata l’origine e gli scopi. Il 32% dei Cinque Stelle sta lì a dimostrarlo.

Ciò che colpisce, a poche ore da un risultato che ha confermato la fine infinita di quel partito del neoliberismo di massa che è il Pd è l’esiguità (numerica, non di valore intellettuale e culturale) degli interpreti della nuova politica pentastellata. Sono interpreti di “sinistra”, ma di una “sinistra” che ha poco a che vedere con quella “sinistra” che continua a pigolare percentuali irrisorie. I cinque stelle sono votati da milioni di persone, ma manca ancora un’analisi, per non parlare di uno schema di azione, per comprendere l’evoluzione di una fase politica. Si è molto lavorato su altri paesi, con concetti in gran parte fuorvianti, ma sui cinque stelle non c’è mai stato uno sforzo analogo. Visto che non sono la “sinistra” greca, quella spagnola o inglese,  c’è stata una rimozione. Semplicemente, non esistono. E loro macinano risultati. Il “populismo” non basta più per spiegare cosa sta accadendo.

La storia raccontata da Di Maio

Mi ha colpito il racconto di Giuliano Santoro sull’ultimo discorso di Di Maio a piazza del popolo a Roma, prima del voto. Dalla sua biografia, questo giovane precocemente azzimato ha rimosso le ragioni di una rivoluzione nella ricostruzione di una stagione che ha dato vita anche al suo movimento. La ricostruisce solo attraverso un’autobiografia generazionale, mediocre come lo sono tutte le autobiografie in una stagione di povertà estrema, soprattutto di desiderio, immaginario, spinta. Oggi questa grisaglia sembra essere l’interprete di quella stagione iniziata in Italia (prima di tutti, della Grecia, della Spagna) nel 2008 con l’Onda degli studenti. E’ durata almeno tre anni, forse più. Quella  rivolta contro la precarietà oggi è stata ricondotta al desiderio di “normalità”.

Che significa oggi essere normali? Avere più “Stato”, tornare al “lavoro”, indipendentemente dalla critica all’alienazione del lavoro.-merce. Il lavoro è lavoro: una tautologia da cui esce il magico coniglio della “dignità della persona”. Significa restaurare le condizioni del “baby boom” in cui sono cresciuti alcuni genitori, quelli del ceto medio più o meno benestante, da cui presumo venga lo stesso Di Maio. Desiderare tornare a essere normali significa vivere in una retrotopia: ovvero  il rimpianto dell'”età dell’oro” dove il contratto sociale sembrava esistere e, in cambio di ordine, disciplina e un salario a fine mese l’Italia dava la sensazione di avere una cittadinanza (riservata agli “italiani”), la certezza di un mutuo, le piccole felicità di una vita alienata.

Da quel passato recente sono cancellati i conflitti sociali e politici durissimi che portarono a una parziale, e insufficiente, inclusione di quelle masse in un “patto” inconcluso. Su quella stagione – gli anni Sessanta e Settanta – gli anni Ottanta misero una pietra tombale. Di Maio non predica il ritorno a un’idea di democrazia progressiva e conflittuale – che tra mille equivoci, tragedie, slanci e violenze oggi lontane e forse inconcepibili furono in molti ad auspicare, senza vederla mai. Di Maio rimpiange il paradosso di un individualismo sociale, l’Italia del capitalismo molecolare delle piccole imprese, del lavoro pubblico e della redistribuzione dall’alto.

Il paese descritto da Giuseppe De Rita (e non proprio in termini apologetici) nel suo recente “Dappertutto e rasoterra”, i cinquant’anni di relazioni introduttive del rapporto Censis. Paese degli spiriti animali capitalistici moderati da un’infrastruttura di corpi intermedi, e uno Stato mediatore, capace di attutirne gli eccessi. La lettura del voluminoso libro di De Rita è  rivelatrice: mai lo Stato in Italia è stato quello oggi immaginato. Allora c’era un paese che veniva da una spinta sociale enorme e mai si è data la giuntura tra governo, Stato e società civile. I “corpi intermedi” si sono autonomizzati (sono diventate “caste”); le autorità hanno represso quella spinta sociale e lasciata estinguere autonomizzandosi.

La politica secondo i Cinque Stelle

Sul piano effettuale, i Cinque Stelle propongono un’alleanza tra la piccola impresa allora protagonista di una crescita interstiziale ma continua, il precariato diffuso e la cittadinanza rancorosa ma dispersa. Collocandosi al centro di un sistema, tra Roma e le periferie abbandonate, cercano di dare una voce agli esclusi di quella società che, nella “terza italia” dei territori e nell’individualismo metropolitano, ha trainato la crescita di una stagione tra localismi politici e svuotamento di un senso di comunità che in realtà è sempre stato deficitario. E’ una possibile risposta all’alleanza tra la tecnocrazia europea e i grandi feudatari del potere nazionale che hanno sostenuto l’intollerabile stagione delle riforme imposte dai governi “di larghe intese” dal 2011. Il Pd e Berlusconi sono state la sponda di questa operazione che ha desertificato il paese. Nel 2018 la loro sconfitta, ancora parziale ma significativa, è il segno che l’alleanza ha perso un giro.

Ciò non vuol dire che l’alleanza sociale prospettata dai Cinque Stelle potrà funzionare. Politicamente la loro ricetta è ispirata a un social-liberismo, condito da un rinnovato moderatismo politico, che non deve mancare mai in un paese come l’Italia. E’ un’immagine sideralmente lontana da quella di chi si attarda ancora a descrivere questo movimento come “populista”, concetto inteso come sinonimo di “estremismo”. Va detto che “populismo” può essere coniugato anche con “moderatismo”. Il concetto è per definizione privo di contenuto. Per questo è adattabile a destra e a sinistra, agli anti-sistema come ai pro-sistema. Renzi, che per un breve e infausto periodo, è stato a cuore dell’establishment altro non era che un populista opportunista.

E’ in corso l’evoluzione dei Cinque Stelle. Cinque anni fa, attaccavano i sindacati e tutte le “caste”, in una battaglia a metà tra il liberismo reaganiano e un’idea di “democrazia diretta” in rete capace di rompere – come le piattaforme digitali della Silicon Valley – le mediazioni sociali. Anche al tempo dell’utopia “disruptive” di Gianroberto Casaleggio il progetto di alleanza tra piccola impresa, precariato e cittadinanza impoverita era abbastanza evidente. Oggi lo è di più e, al netto della protesta e delle velleità manifestate a Roma o a Torino, resta il progetto del movimento. I voti lo confermano.

Il possente risultato del 4 marzo è dovuto tra l’altro all’internità alla nuova composizione sociale del quinto stato, ovvero la condizione delle persone escluse nella cittadinanza dal godimento reale dei diritti sociali. I cinque stelle separano questi “esuli” in patria dagli “apolidi”, ovvero gli extraterritoriali in uno Stato, i migranti. E, in questa guerra dei penultimi contro gli ultimi, si dividono i voti con un partito razzista che arriva al 18%. Ribaltare il vettore di questa politica, dimostrare che la condizione di apolidi e esuli è la stessa, e che il problema è semmai la cittadinanza che esclude gli uni e gli altri, a partire da situazioni di inclusione differenziata, è il compito di una politica. Le manifestazioni anti-razziste e anti-fasciste come Macerata, dimostrano che esiste una sensibilità diffusa, capace di mobilitare massicciamente.

Ipotesi Draghi 2019

Quella dei Cinque Stelle è una vittoria cospicua, ma interlocutoria. Perché chi ha pensato la legge elettorale ha pensato di sabotare questo risultato – prevedibile, in realtà – amplificando l’ingovernabilità già emersa nel 2013. Sulla lunga durata questo è il nuovo esito di una crisi verticale iniziata già negli anni Settanta (la “prima repubblica”). E’ una crisi di sistema che chi, come i cinque stelle, ha l’ambizione di farsi “sistema” non ha forse i mezzi per affrontare. Non li ha nessuno, tranne chi ha gestito dal 2011 questa crisi, lanciando ipotesi di “grande coalizione” uscita a pezzi da queste elezioni. Non è escluso che potranno farne un’altra, lasciando passare i mesi, aumentando il panico, creando una maggioranza in parlamento, come hanno fatto tra il 2013 e il 2018. Potranno inventarsi un nuovo “Renzi” che ha fallito il progetto con il referendum del 4 dicembre. L’ipotesi Draghi 2019, o chi per lui, non è peregrina. L’esito di queste elezioni corrobora una simile ipotesi. Siamo allo stesso punto: in un non luogo. Non tarderà un’iniziativa, qualsiasi, in questa direzione.

Il reddito, terreno di battaglia

Un ultimo elemento di riflessione: la teoria sbilenca del “reddito di cittadinanza” rivendicata da Di Maio. Come sappiamo è un reddito minimo, particolarmente costrittivo, fondato su una lettura economica infondata – in un periodo modesto: un anno 18 mesi, due anni – il percettore di questo reddito troverà – anche perché obbligato – un “lavoro”. In cambio sembra che dovrà erogare “otto ore di lavoro gratuito allo Stato”.

Tale “reddito”, dice Di Maio, è destinato a scomparire perché alimenterà la “crescita”. Una “crescita” discutibile nelle premesse, oltre che negli effetti. E tuttavia questa proposta costituisce lo scheletro della politica pentastellata. Sempre che sia possibile, loro la declinano nella cornice di una “normalizzazione” e di una “neutralizzazione” della crisi. Il rischio non è solo quello di un nuovo assistenzialismo, quanto di un irrigidimento di un regime di lavoro coatto e gratuito.

Il reddito di base va interpretato all’opposto: è un primo strumento per assicurare l’autonomia delle persone e per rifiutare il ricatto del lavoro precario. Un modo per rompere il disegno che ispira i Cinque Stelle. Ma sono in pochi a crederci. A cominciare da quella “sinistra” ridotta all’irrilevanza su più fronti. Mancanza di immaginazione, assenza di una politica radicale, e di una pratica che spinge in avanti le proposte in un contesto difficile, tremendo. Di questo si soffre molto. La politica non è solo una questione di percentuali.

I commenti sono chiusi.