closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Bulgarifornia

Surfando la seconda onda Obamista il partito democratico in California ha conquistato una “supermaggioranza” di oltre due terzi sia nella camera che nel senato di Sacramento. Lo stato piu’ popoloso dell’unione e’ “profondo blu” da molti anni e fin qui insomma la notizia non e’ una rivelazione. I democratici detengono si tradizionali  maggioranze nelle camere  ma la maggioranza parlamentare assoluta, oltre al posseso di virtualmente ogni carica governativa nello stato, e’ significativa per via delle norme antifiscali  di eredita’ reaganiana che vietano categoricamente l’aumento di qualunque tassa  imponenedo per varare leggi in questo senso una maggioranza appunto di due terzi. Un trend iniziato con la rivolta contro l’aumento delle tasse di proprieta’ negli anni 70. La regola escogitata all’epoca ha dato potere di veto negli ultimi decenni alle minoranze  repubblicane che sono state in grado di bloccare qualunque aumento delle entrate ed imporre tagli semrpe piu’ profondi alla spesa. Il risultato e’ stato il declassamento di infrastruttura, servizi ed istituzoni pubbliche a partire da scuole e universita’ al punto che per finanziare la pubblica istruzione il governatore Jerry Brown si e’ dovuto rivolgere agli elettori mediante un referendum con cui i Californiani la settimana scorsa hanno autorizzato il proprio governo ad aumentargli  le tasse. Ora alla luce della nuova maggioranza non saranno piu necessari simili plebisciti e sulla carta almeno la California dovrebbe poter tornare a governare se stessa senza sottostare a norme arbitrarie. Buona notizia quindi, almeno sulla carta anche se la blindatura blu della “left coast”  potrebbe e oggettivamente presagire una dittatura del politicamente corretto  e l’ulteriore radicalizzazione di una destra esautorata. Sicuramente un segnale inequivocabile contro la demagogia liberista dello stato minimo.

  • Giacomo

    Il punto però è che la “proposition 13” (quella che appunto impone maggioranze bulgare, e blocca le tasse sugli immobili a cifre irrisorie) va rimossa del tutto, altrimenti tra due anni qualche seggio diventa R e sono daccapo.

    Il paradosso californiano e’ molto “europeo”: cittadini ricchissimi, un’economia che “tira” praticamente il resto della federazione, e ciononostante lo Stato e’ praticamente in bancarotta da anni e fatica a pagare il personale da un mese all’altro. Chiaramente c’è bisogno di una correzione…