closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
losangelista

Bastard Sons of Lee Marvin

the_limits_of_control16

Il festival di Tribeca ha quest’anno  un taglio forse anhe  piu’ “glocal” del solito, che ha coniugato cioe’  le ambizioni globali (ma il programma e’ stato tagliato quasi  meta’ dalla crisi) con una spiccata enfasi newyorchese ancora piu’ marcata del solito. Trend evidente sin dall’apertura con Whatever Works, il ritorno cinematico di Woody Allen alla sua citta’. Il film e’ basato su una vecchia sceneggiatura che Allen aveva scritto per Zero Mostel, rimpiazzato qui da Larry David. Poi Spike Lee con ben due pellicole Kobe doin’ Work documentario su  Kobe Bryant ricalcato sul ritratto di Zinedine Zidane di Gordon e Parreno, e Passing Strange, gia’ visto al Sundance. Poi una vera mini-onda di nostalgia newyorchese con documentari sullo storico locale della Bowery  CBGB, culla del punk locale  (Burning Down the House) e  sulla concomitante scene del cinema “no-wave” degli anni 70-80 (Blank City). A proposito di scena indie newyorchese, mancava dal festival l’ultimo di Jim Jarmusch, Limits of Control, che in questi giorni comincai le anteprime. E’ un distillato estetico/esistenziale  di Point Blank e un omaggio al film di John Boorman a partire dal protagonista, Isaach de Bankole, un apparente gangster dalle sensibilita’ buddiste impegnato in una non definita missione e in viaggio attaraverso una Spagna diafana, fotografata da Christopher Doyle in cui incontra una successione di enigmatici accoliti/antagonisti fra cui Tilda Swinton Gabriel Garcia Bernal e  John Hurt. Nei suoi attillati vestiti di taglio seventies e’ un po’ Delon/Samourai, un po’ Nicholson/Reporter e naturalmente molto Marvin (la leggenda metropolitana vuole che Jarmusch abbia fondato con John  Lurie e Tom Waits la societa’ segreta chiamata ‘i figli bastardi di Lee Marvin’).  Alla fine compira’ la sua meta-missione che dopo il lungo incipit ascetico si rivelera’ una efferata e molto divertenente (c’entra Bill Murray) vendetta nel nome del cinema, degli sguardi “indipendent”  e quell’etica bohemienne cosi’ celebrata quest’anno al Tribeca.