closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Apocalypse Live!

Da ieri e’ online “Spill Cam” il feed in diretta da 1500 metri sotto il mare del disastro BP. Uno streaming con cui visionare in diretta il peggior cataclisma ambientale della storia provocato dall’uomo. Le immagini che giungono in diretta dal fondo del Golfo del Messico sono state diffuse in seguito alla richiesta di Edward Markey, presidente della commissione del congresso sul cambiamento del clima che ha intimato alla BP di renderle pubbliche. Come e’ stato chiaro sin dall’inizio la societa’ (con la collusione di agenzie governative come la guardia costiera e la MMS – Minerals Managemet Service) ha gestito il disastro come un  operazione di pubbliche relazioni, approffittando del fatto che la quasi totalita’ del petrolio versato si trovi nascosto dai flutti oleosi come un mastodontico e viscido iceberg. Gestendo l’accesso alle immagini e sottovalutando  di molti ordini di grandezza la quantita’ di petrolio fuoriuscente che ora si rivela come previsto da molti, semplicemente senza precdenti. E naturalmente come si vede dalle immagini non vi e’ sosta. Ad un mese esatto dall’incidente numerose perdite continuano a vomitare liquido nero negli abissi come un eruzione incontenibile. E come nel caso di quella  atmosferica del Eyjafjallajökull e’ impossibile sapere fin dove giungeranno i suoi effetti tossici. La trasmissione e’ intermittente e spesso interrotta dall’eccesso di traffico – qui alcuni siti che la riportano: il governo,  Huffinton PostCNN.