closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Ai WeiWei condannato

Un tribunale di Pechino ha confermato la condanna (in appello) che era stata inflitta all’artista dissidente Ai Weiwei: dovrà pagare una multa di 2,4 milioni di dollari per evasione fiscale. WeiWei, architetto e artista militante – è fra gli autori dello stadio a Nido uccello delle Olimpiadi di Pechino – era stato anche arrestato illegalmente nel 2011 e si era temuto per la sua sorte poiché di lui si era persa ogni traccia e nessuno poteva incontrarlo in carcere, neanche sua moglie. Dopo molti appelli di intellettuali internazionali, il governo aveva deciso per la liberazione, ijn evidente imbarazzo per la ribalta mediatica del caso. In Cina ”non esiste la giustizia” e la magistratura è ”al servizio del Partito Comunista”, ha  affermato Ai Weiwei, continuando la sua battaglia per la libertà di espressione: ”Questo caso è chiaramente politico, una rappresaglia contro un cittadino dissidente”. WeiWei è famoso in Europa anche per aver creato un tappeto di semi di girasole in cermaica alla Tate di Londra e aver invitato il pubblico a passeggiarci sopra, schiacciando l’opera.  Anche qui, problemi: la polvere di ceramica che si alzava in nuvole dopo l’attraversamento venne giudicata nociva per la salute e quindi l’nstallazione venne recintata, con uno stop

per le camminate “distruttive”