closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Addio Laing, artista pop per Amy Winehouse

L’artista britannico Gerald Laing, 75 anni, è morto in un castello sulla Black Isle, vicino a Inverness in Scozia. Esponente della Pop, era l’autore di dipinti dedicati a star come Brigitte Bardot ma anche a cantanti come Qmy Winehouse che, in una delle opere più riuscite, immortalò in un famoso bacio con il marito. Laing ha vissuto gran parte degli anni Sessanta a New York, frequentando gli ambienti della Pop, amico di artisti quali Andy Warhol e Roy Lichtenstein. In una recente intervista Laing ha spiegato le differenze fra le due accezionbi dell’arte popular: «Certo, siamo stati accecati anche noi dalla brillantezza americana degli anni Sessanta. Uscivamo fuori da un periodo orribile in Gran Bretagna. Non era carino vedere intorno a sé edifici bombardati e strade divelte. Era tutto fatiscente…Da noi, i Sixties non erano così divertenti come oltreoceano». Lui ha scelto il mondo della musica per la sua galleria di icone glamour. Quando ha provato a entrare nell’attualità politica, è stato rigettato indietro dai suoi dealer: niente da fare per un dipinto con Kennedy, «l’ho dovuto ripiegare e mettere via nella casetta da giardino». Negli ultimi tempi però aveva avuto la sua rivincita: «il mio quadro – ha raccontato – è stato riconosciuto come l’unica rappresentazione della sparatoria nel momento stesso in cui accadeva». Fra le sue serie, quelle dedicate ai piloti della Marina di cui poi l’artista si pentì amaramente, quando gli States invasero l’Iraq e i bombardieri volarono su Baghdad uccidendo centinaia di civili. Dopo, è passato a reinterpretare le micidiali foto uscite dalla prigione di Abu Ghraib.