closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lo scienziato borderline

Abbiamo Bisogno di Resistenza!

Riceviamo da Torino e – condividendo al 100% – volentieri pubblichiamo.

LETTERA APERTA A CHI CREDE NEL 25 APRILE

…E RICONOSCE COME FONDANTE DELLA NOSTRA SOCIETA’ IL VALORE E LA PRATICA DELL’ANTIFASCISMO.


Siamo le madri e i padri, i familiari e i tanti amici dei 28 ragazzi e ragazze che, nella nostra città (Torino, ndr) – medaglia d’oro per la Resistenza – sono stati sottoposti a misure cautelari molto dure.

Non per aver rubato soldi pubblici né per aver avvelenato l’aria con la polvere di amianto, ma per aver lottato contro il treno ad alta velocità Torino-Lione, oppure per aver difeso le aule universitarie dai tentativi sempre più frequenti di infiltrazione da parte dei fascisti torinesi, o ancora per aver manifestato in corteo contro la presenza e i comizi di un partito xenofobo e razzista che ben conosciamo.

Ebbene, questi ragazzi sono stati “incarcerati in casa”, in stretto isolamento, costretti quindi alla perdita del loro lavoro, allontanati dalla frequentazione dei loro corsi universitari (per cui hanno pagato tasse sempre più alte) e dei loro amici, o di tutte queste cose insieme.
Tutti, privati dei loro affetti.
E tutti noi familiari, siamo privati dei nostri figli e delle nostre figlie, o sottoposti con loro a restrizioni personali molto forti; obbligati a tener fuori da casa nostra l’idraulico o il nonno o il postino; svegliati durante la notte dai frequenti, pretestuosi, controlli di solerti forze dell’ordine. Con l’angoscia e la consapevolezza che, per i nostri figli e le nostre figlie, si sta creando un chirurgico isolamento sociale.
Questi ragazzi e ragazze, che sono tutti in attesa di processo, quindi non ancora giudicati da sentenza, vivono questa repressione per aver fatto quello che NOI abbiamo loro insegnato: valori antifascisti e di solidarietà; quello che NOI, forse per stanchezza, o per il troppo impegno che oggi è indispensabile per mantenere a galla noi stessi, le nostre famiglie e le nostre case, non facciamo più. Magari pensiamo, e giudichiamo. Ma non agiamo.
Loro invece sì, agiscono quotidianamente. Con coraggio, con intelligenza del presente, con generosità e simbiosi con gli ultimi.
Non con la violenza, agiscono, ma con una cosa semplice dal nome antico che tutti conosciamo: la libertà di dissenso, il coraggio della partecipazione.
NOI glielo abbiamo insegnato; allora, davvero ritenete di poterci sostituire, di poter far meglio di noi, nell’educazione politica e sociale dei nostri figli, comminando isolamento e punizione e impoverimento prima del processo?
Tutti questi ragazzi sono nostri figli ed è giunto il momento, per noi, di agire per loro.
I nostri ragazzi non sono solo “nostri”, perché lottano ogni giorno per migliorare il futuro di tutte e tutti, senza anteporre interessi personali.
Oggi, come genitori e parenti, prendiamo temporaneamente il loro posto, perché dei giudici poco imparziali continuano a privarli della libertà, punendoli senza che ancora ci sia una sentenza. Si dice che si è innocenti fino al terzo grado di giudizio, ma in queste e altre vicende non vi è stato  nemmeno un processo.
Testimoniamo la loro assenza con i nostri corpi e con le loro idee, per la costruzione di un presente migliore e per un futuro di diritti uguali per tutte e tutti.
Siamo qua, pronti a prendere il loro posto, almeno per un poco, almeno fino a che ce la faremo. Con i nostri corpi.
Invitiamo tutti coloro che, come noi e i nostri figli e le nostre figlie, credono nei valori e nelle pratiche dell’antifascismo, a partecipare alla fiaccolata del 25 aprile. Ore 20 piazza Arbarello, Torino.

antifa

I commenti sono chiusi.