closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

E Christo impacchetta il fiume Arkansas

Il fiume Arkansas sarà impacchettato dal visionario artista Christo, “orfano” della moglie-manager con cui lavorava in coppia fin dagli anni Sessanta, Jeanne Claude. La notizia è ufficiale: i pannelli che copriranno 42 miglia del corso del fiume verranno piazzati in Colorado, lungo le rive e passando da una parte all’altra del “river”, dopo anni di attesa. E’ stato il Federal Bureau of Land Management a dare il via libera. A 76 anni così Christo si appresta a regalare al pubblico mondiale un’altra delle sue titaniche ed effimere opere: 50 milioni di dollari e la fine del progetto prevista entro il 2013. Come sempre, il lavoro sarà autofinanziato attraverso i proventi dei disegni dell’artista: la sua sfida più grande – per gli impacchettamenti di monumenti, del Reichstag di Berlino, del Pont Neuf di Parigi, non è mai stato il denaro ma i permessi istituzionali. Il progetto, infatti, è stato accettato con più di cento clausole restrittive, fra cui la non interruzione dello scorrere del fiume e il non coinvolgimento delle città vicine. Gruppi ambientalisti avevano  obiettato che l’installazione avrebbe potuto disturbare la fauna locale – in particolare bloccando l’accesso delle pecore alle fonti d’acqua. Adesso, con le dovute precauzioni, “Over the river” prenderà il volo. Le previsioni turistiche sono rosee:  oltre 400mila  visitatori e almeno  120 milioni di dollari di entroiti per l’intera regione. Christo, d’altronde, ha sempre affermato che le trattative burocratiche necessarie alla realizzazione dei suoi progetti d’arte siano parte integrante delle opere.  “Immaginate quante persone si sono applicate, quanti professionisti hanno redatto la dichiarazione di impatto ambientale per la mia installazione”, ha detto al New York Times. Prima della realizzazione di “Over the River” Christo dovrà però strappare i permessi anche alle contee Fremont e Chaffee e al Dipartimento dei Trasporti del Colorado.  Agli ambientalisti preoccupati, invece, avrebbe  già dato risposte esaustive: ha fondato il Bighorn Sheep Adaptive Fund Management, che verrà finanziato con la vendita delle sue opere stesse.

  • Lekita

    … E que tal tirar tal COISA do rosto/cara?