closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Storia di Erlin, l’attivista perseguitato in Honduras che la Svezia non vuole

Appeso a un filo. Sarà la Corte di Strasburgo a decidere la sorte del 25enne leader degli "indignati" diversamente abili e della sua famiglia

Erlin Mejía

Erlin Mejía

È appeso a un filo il destino di Erlin Mejia Andino, attivista politico honduregno e difensore dei diritti umani di cui la Svezia ha respinto per tre volte la richiesta di asilo: sarà la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo a decidere se potrà restare in Svezia o dovrà far ritorno in Honduras, dove lui e la sua famiglia correrebbero gravissimi pericoli. DI RAGIONI PER OTTENERE L'ASILO politico il 25enne Erlin Mejía, costretto su una sedia a rotelle, ne avrebbe in abbondanza. Oppositore del regime di Juan Orlando Hernández, al suo secondo e contestatissimo mandato dopo la gigantesca frode...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.