closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
LIBRI

Buona la PrimaEdizione speciale con le migliori copertine del manifesto uscite nel 2013

Rivivi gli eventi di quest’anno attra­verso le nostre coper­tine, dallo “scacco matto” post-elettorale di Ber­sani fino all’incoronazione di Gior­gio Napo­li­tano per un ine­dito secondo man­dato al Qui­ri­nale. Dalla “forza nuova” dei gril­lini all’autunno ever­sivo di Ber­lu­sconi. Tutte le noti­zie del 2013, dalle dimis­sioni di Ratzin­ger e l’elezione di papa Fran­ce­sco allo scan­dalo dell’Ilva e la guerra in Mali, pas­sando per le mille piazze che lot­tano per una poli­tica e un mondo diversi.


Il libro che vi pro­po­niamo in edi­cola dal 12 marzo e in ven­dita qui sul sito è per noi un libro spe­ciale. Rac­co­glie gran parte del lavoro del 2013, giorno dopo giorno. La sto­ria secondo noi. Ci sono noti­zie grandi e pic­cole, scelte che viste oggi sem­brano pro­fe­ti­che e altre quasi illeg­gi­bili fuori dal con­te­sto di quel par­ti­co­lare foto­gramma dell’anno.

Die­tro la prima pagina di un gior­nale, e soprat­tutto die­tro la prima pagina del mani­fe­sto, c’è un misto di inco­scienza, genia­lità, raf­fi­na­tezza, sin­tesi e humour in pro­por­zioni del tutto varia­bili e opi­na­bili, che dipen­dono dalla fatica di quel par­ti­co­lare giorno e dal pri­vi­le­gio di “dire” e “dover dire” qual­cosa ogni volta che si va in stampa. C’è il lavoro di ordi­nare i fatti uno sopra l’altro e di sov­ver­tirli se è giusto.

Di sicuro la prima pagina del mani­fe­sto è un pro­dotto arti­gia­nale e non seriale. Se le guar­date tutte quante, le potete vedere come un’icona schiac­ciata su un titolo grande e una foto ma in realtà in cia­scuno di quei ret­tan­goli colo­rati tro­ve­rete un det­ta­glio, uno spic­chio di realtà che non ricor­da­vate, un tocco par­ti­co­lare o anche una sba­va­tura che sicu­ra­mente non c’è su nes­sun altro quo­ti­diano ita­liano. C’è il segno costante di mani umane oltre il lavoro delle mac­chine. E’ il frutto di cul­tura let­te­ra­ria e visio­na­ria, pas­sione poli­tica, psi­coa­na­lisi, socio­lo­gia e poe­sia, tutte mesco­late in que­sto eccen­trico col­let­tivo. Un mira­colo di libera asso­cia­zione con un piz­zico di peri­zia che si ripete ogni giorno da oltre quarant’anni e che miste­rio­sa­mente, pur adat­tan­dosi ai tempi, passa di gene­ra­zione in generazione.

Ci pia­ce­rebbe che que­sta ini­zia­tiva (app + libro) sia la prima di una lunga serie. Un appun­ta­mento fisso di fine anno per cia­scun anno. Un modo per con­ge­darsi dal vec­chio e aspet­tare insieme il nuovo. Per ricor­dare cosa non ha fun­zio­nato e cosa invece è un punto da cui ripar­tire. Un biglietto di entrata nel nostro mondo per chi ancora non ci cono­sce e un regalo per chi ci segue con indo­mito affetto da tanti anni.

Qual­siasi cosa sia la prima pagina, è un lavoro di gruppo. Per­ciò, visti i tempi, è tanto più prezioso.

Buona let­tura.


Leggi qui l’editoriale di Norma Ran­geri e la post-fazione di Alberto Pic­ci­niniMat­teo Bartocci


Guarda sulla mappa le edi­cole ser­vite in que­ste città: Roma Milano Bolo­gna Firenze Genova Torino Peru­gia e Terni Vene­zia