closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Stop al caporalato, ci prova un protocollo

L'accordo. Firmano tre ministeri, cinque Regioni, imprese, sindacati e associazioni. Aiutare i braccianti a trovare una casa e a ricevere servizi dignitosi. Flai Cgil e Uila: «Almeno 430 mila sfruttati, bisogna approvare subito il ddl 2217 fermo in Senato»

I ministri dell'Agricoltura e del Lavoro, Maurizio Martina e Giuliano Poletti

I ministri dell'Agricoltura e del Lavoro, Maurizio Martina e Giuliano Poletti

Un protocollo per contrastare il caporalato: con precisi impegni per le ispezioni, il soccorso, l’assistenza ai lavoratori impiegati nei campi, spesso immigrati. Lo hanno firmato ieri a Roma tre ministeri - Interni, Lavoro e Agricoltura - con cinque Regioni - Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata e Campania - i sindacati, l’Ispettorato nazionale del Lavoro, le imprese e le associazioni. Tra gli altri, Flai Cgil, Fai Cisl, Uila, Croce Rossa, Libera, Caritas, Cia, Coldiretti, l’Alleanza delle cooperative. Un «passo importante» hanno convenuto tutti i firmatari, ma i sindacati hanno chiesto che si proceda presto all’approvazione del ddl 2217, ancora fermo in Senato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.