closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Stop ai brevetti, l’Europa è divisa e prende tempo

Vaccini. L’europarlamento non trova una linea comune, ma chiede a Usa e Gran Bretagna di cominciare a esportare le dosi. Mentre il piano Covax, destinato ai paesi poveri, va a rilento a causa dell’India che ha bloccato l’export da marzo

Centro vaccini al Makati Coliseum di Manila nelle Filippine

Centro vaccini al Makati Coliseum di Manila nelle Filippine

Quando ci sarà una posizione comune della Ue sui brevetti dei vaccini anti-Covid? L’unica cosa certa, oggi, è che la Ue non si presenterà alla riunione alla Wto (8-9 giugno) su questa questione con una linea definita. Il Parlamento europeo, che ha discusso ieri mattina per preparare una posizione condivisa, non voterà in questa sessione e ha rimandato tutto alla plenaria del 7-10 giugno. Nel frattempo, l’apartheid vaccinale si sta mettendo in atto. Per il gruppo S&D (socialisti), i vaccini sono «beni pubblici», bisogna levare le barriere commerciali e imporre la trasparenza nei contratti con Big Pharma. La sinistra Gue...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi