closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Stop a razzismo e disuguaglianze, iIl basket Nba va a canestro in Vaticano

A colloquio con il papa. Una delegazione di cestisti Usa ricevuta da Bergoglio, riconoscimento inatteso all’impegno della Lega su diritti civili e minoranze, contro le politiche dell'Amministrazione Trump

LeBron James mentre inquadra il canestro

LeBron James mentre inquadra il canestro

L’onda della battaglia per i diritti civili della lega del basket americano è arrivata fino in Vaticano, dove il papa ha ricevuto una delegazione del sindacato atleti (NBPA). Cinque cestisti tra cui il bolognese Marco Belinelli, che gioca negli Stati uniti da oltre dieci anni. Un’opportunità, un incontro per discutere con Bergoglio nella Biblioteca di Palazzo Apostolico dell’impegno assunto dalla Nba per la tutela dei diritti civili degli afroamericani. Dentro e fuori dai parquet, per strada e sui social network per combattere ingiustizie sociali e ineguaglianze. La delegazione della Nba ha consegnato al Santo Padre un pallone, le magliette e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi