closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Stellantis, tornano gli accordi separati

Ritorno al Passato. Come ai tempi di Marchionne. Fim, Uilm, Ugl e Fismic firmano l'accordo con l'azienda sul "polo torinese". Che prevede la chiusura di Grugliasco. La Fiom: serve accordo su tutto il piano

Una assemblea della Fiom fuori Mirafiori a Torino

Una assemblea della Fiom fuori Mirafiori a Torino

Dopo un anno di unità sindcale, tornano gli accordi separati a Stellantis, modello Fca e Marchionne. Ieri sera Fim Cisl, Uilm, Ugl e Fismic firmano con l’azienda l’accordo sul «polo produttivo torinese». La Fiom, dopo aver tenuto le assemblee, aveva da subito criticato la chiusura dello stabilimento di Grugliasco dove si producevano le Maserati. «Siamo riusciti ad ottenere garanzie per i lavoratori coinvolti anche relativamente al futuro piano industriale», sostengono i sindacati firmatari. «Non è sufficiente dichiarare che non ci saranno esuberi, serve una visione complessiva del piano Stellantis per l’Italia», risponde la Fiom.

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.