closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Stefano Fassina: «Alle regionali il Pd ha perso sulla scuola»

Intervista. «Renzi dice di avere vinto? Nega la realtà. L’emorragia di voti alle elezioni è un chiaro segnale per il governo. Sempre più urgente iniziare a pensare alla domanda sinistra che il Pd non intercetta più. Ma per farlo dobbiamo uscire dalla gabbia mercatista dell’Euro. Bisogna riscoprire la dignità della persona come dice la dottrina sociale di Papa Francesco»

Stefano Fassina (Partito Democratico)

Stefano Fassina (Partito Democratico)

Stefano Fassina, rispetto alle elezioni europee il Pd ha perso 2.143.003 voti, 1.083.557 rispetto alle politiche 2013, 600 mila rispetto alle regionali del 2010. È il risultato della campagna «Io non voto il Pd» cresciuta nelle scuole? Direi proprio di si, ha contribuito in modo significativo all'aumento dell'astensione e anche al travaso di voti verso altri partiti. Verso il Movimento Cinque Stelle? In particolare verso di loro. Il governo presieduto dal segretario del Pd ha compiuto svolte liberiste sul lavoro e sulla scuola, plebiscitarie sulla democrazia. I nostri elettori le hanno rifiutate perché sono decisioni che aggravano le condizioni economiche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.