closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Stefano Cucchi, la perizia del tribunale scagiona solo le forze di polizia

Giustizia. Per il collegio di esperti nominati dal Gip, sconosciute le cause della morte, forse «epilessia». Nessuna relazione con le fratture. Secondo la sorella della vittima, Ilaria, il testo è confuso: «Ora processo per omicidio»

Lo schema redatto dal collegio di periti che analizza le cause della morte di Stefano Cucchi, avvenuta il 22 ottobre 2209 nel reparto detentivo dell'ospedale Sandro Pertini di Roma

Lo schema redatto dal collegio di periti che analizza le cause della morte di Stefano Cucchi, avvenuta il 22 ottobre 2209 nel reparto detentivo dell'ospedale Sandro Pertini di Roma

Quale sia la causa esatta della morte di Stefano Cucchi non sa dirlo nemmeno il collegio peritale nominato dal Gip dell’inchiesta bis che indaga sui cinque carabinieri coinvolti nell’arresto del giovane, nella notte del 15 ottobre 2009. Solo due dati risulterebbero oggettivi e conclamati: la frattura recente delle vertebre lombari e sacrali, considerata dagli stessi periti una delle due ipotesi più probabili della morte del geometra romano, e il ruolo "esiziale" del globo vescicale. Su tutto il resto, nessuna certezza nel corposo documento di 250 pagine redatto dal gruppo di esperti e consegnato ieri al Gip Elvira Tamburelli. Eppure le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi