closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Stefano Bagnoli e il poeta «maudit»

Note sparse. Si intitola «Rimbaud» il primo album interamente registrato e suonato come one-man-band dal batterista

Stefano Bagnoli

Stefano Bagnoli

Per questo album, il primo interamente registrato e suonato come one-man-band, il batterista Stefano Bagnoli ha scelto lo spirito guida del poeta «maudit» Arthur Rimbaud: il ragazzo dalle «suole di vento» che stregò e scandalizzò, sovvertendone le regole, il perbenismo borghese francese di fine ottocento, prima di abbandonare la poesia e diventare commerciante in Africa, per poi morire a meno di 40 anni per un'infezione mal curata proprio in quell'Europa mai sopportata fino in fondo. L'operazione del disco ha un antecedente illustre: il concept-album Sahara Blue che Hector Zazou realizzò nel 1992, anno del centenario della morte del poeta. Però...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.