closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

«Stavolta il commissario Charitos indaga sul tradimento delle élite»

Intervista. Chi sta uccidendo i docenti di Atene che lasciano gli atenei sedotti da denaro e politica? Parla lo scrittore greco Petros Markaris che presenta in Italia il suo nuovo noir, «L’università del crimine», pubblicato da La nave di Teseo

Lo scrittore greco Petros Markaris

Lo scrittore greco Petros Markaris

Doveva essere una «trilogia della crisi», ma L’università del crimine, appena pubblicato da La nave di Teseo (pp. 333, euro 18) è l’undicesima indagine che vede impegnato il commissario della polizia di Atene Kostas Charitos. La drammatica emergenza greca d’inizio decennio si è tramutata in una convivenza quotidiana, ma non per questo meno dolorosa, con i tagli allo Stato sociale e l’impoverimento generalizzato della popolazione, tale da convincere Petros Markaris a proseguire nel suo lavoro. Tra gli autori ellenici più noti e tradotti a livello internazionale, a lungo collaboratore del regista Theo Angelopoulos, con il quale ha scritto capolavori quali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi