closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Stare davanti all’obiettivo è la mia sfida di cineasta

Intervista. Conversazione con Villi Hermann, dagli esordi al nuovo film sulla guerra d’Algeria

Un premio intitolato a un sociologo e critico cinematografico di confine, Darko Bratina, un festival itinerante tra Italia e Slovenia promosso dal Kinoatelje di Gorizia. Il riconoscimento, dopo Laila Pakalnina, Ruth Beckermann, Jan Cvitkovic, Franco Giraldi e altri, è andato a Villi Hermann. Un cineasta che vive in Canton Ticino poco oltre la frontiera italiana e ha fatto del confine, fisico o metaforico, uno degli elementi cardine di una carriera che dagli anni '70 di San Gottardo (Pardo d'argento a Locarno nel '77), passando per tre lunghi di finzione (Matlosa, Innocenza e Bankomatt) si è concentrata sul documentario: tra i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.