closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Stanislaw Lem, l’invisibile procede nella direzione dei nostri sensi

Frontiere fantascientifiche. A cent’anni dalla nascita, tutti i racconti dello scrittore polacco, ora in «Universi», evidenziano un nesso tra la prospettiva biologica e la dimensione psichica, che passa dalla cibernetica: da Mondadori

Stanislav Lem, di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita, è un esempio perfetto di quanto si è detto più e più volte, ossia che la suddivisione per generi delle opere letterarie ha sempre più spesso il valore di un aiuto alle biblioteche per infilare i libri negli scaffali giusti e ai docenti per far mandare a memoria qualcosa agli studenti impigriti. Una volta di più, la grandezza di Lem fa sì che il «genere fantascienza» mostri la corda di una schematizzazione inadeguata: se infatti i racconti, ora raccolti da Mondadori in un unico, poderoso volume, Universi (Introduzione di Lorenzo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.