closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Squinzi all’attacco: “Il sindacato fa ritardare l’Italia”

Imprese . Il presidente della Confindustria sceglie la platea della festa dell'Unità per sferrare il colpo. La replica di Barbagallo (Uil): "Sono loro che rallentano, quando non investono"

Il presidente della Confindustria, Giorgio Squinzi

Il presidente della Confindustria, Giorgio Squinzi

L’attacco arriva come un fulmine a ciel sereno, tipico dei temporali agostani: ma non sembra neanche troppo casuale, vista la platea scelta. «Il sindacato in Italia mediamente è un fattore di ritardo, ha fatto tardare tanto l’ammodernamento e l’efficienza complessiva del Paese». Parola del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, dal palco della festa dell’Unità di Milano, dove era invitato a partecipare a un dibattito. Il confronto è con un renziano di ferro, seppure di quelli in genere non aggressivi, il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. E infatti la parte del cattivo la interpreta tutta Squinzi, che riferendosi al caso Electrolux...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.