closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Spretato (ma non scomunicato) Inzoli, il don accusato di pedofilia

Comunione e Liberazione. Dopo la condanna italiana in primo grado, Papa Francesco lo dimette dallo stato clericale

Mauro condannato dal Tribunale di Cremona (in primo grado) a 4 anni e 9 mesi. Inzoli non più monsignor CL né «don Mercedes» (non può più celebrare nulla di sacro). Per lui è arrivata la sentenza definitiva, datata 20 maggio con la firma di papa Francesco, trasmessa alla Congregazione per la dottrina della fede e ieri mattina annunciata dal vescovo Daniele Gianotti davanti a tutti i sacerdoti della diocesi di Crema. Mauro Inzoli, 67 anni, è stato conclamato protagonista nel periodo 2004-2008 di episodi di violenza sessuale su ragazzi in età compresa fra i 12 e i 16 anni. Alcuni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi