closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Spiagge, concessioni nel mirino della Ue

La Corte di Giustizia verso una sentenza che mette a repentaglio il lavoro di 30 mila imprese. I canoni però sono troppo bassi e dovranno essere aumentati. Il caso di 206 stabilimenti con affitti da capogiro: i proprietari rovinati hanno fatto causa allo Stato

L’estate è ancora lontana ma certo sui 30 mila stabilimenti balneari italiani i temporali non mancano mai. Questa volta i fulmini arrivano dalla Corte di giustizia europea, e in particolare dall’avvocato generale Maciej Szpunar, che ha giudicato contraria al diritto europeo la legge con cui l'Italia ha previsto la proroga automatica della durata delle concessioni demaniali marittime e lacustri fino al 2020. Il parere non è vincolante per il verdetto finale, ma va detto che generalmente le conclusioni dell’avvocato generale vengono riprese nella sentenza emessa dalla Corte. La vertenza spiagge è arrivata all’alta Corte Ue grazie a una questione pregiudiziale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.