closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Spettacolo e anarchia: cinema dell’utopia

Intervista. Lluís Miñarro, già produttore di Manoel de Oliveira, Apichatpong Weerasethakul e Albert Serra, parla in anteprima di "Love me not", il suo quarto film da regista

da

da "Love me not"

Lluís Miñarro riscrive il mito evangelico di Salomè. E lo scaraventa nel cuore del deserto iracheno, in un incubo di sole e polvere che consegna allo sguardo i macabri rituali di Abu Ghraib. Il valenciano Luis García Berlanga, nel 1952, sbeffeggiava Truman nei pressi di Villar del Río (¡Bienvenido, Mr. Marshall!). Miñarro, da buon catalano, è ancora più estremo nella sua smania di astrattismo: la bandiera a stelle e strisce viene eclissata fuoricampo, nel limbo delle allusioni, e l’amarezza del j’accuse deflagra in un fecondo magnetismo visivo, nella più ficcante perentorietà discorsiva. Perché Love me not è cinema in versi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.