closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Speranze precarie

Venezia 70. «L'intrepido» di Gianni Amelio, in concorso, ritratto di un paese senza via d'uscita

Antonio Albanese in «L'intrepido»

Antonio Albanese in «L'intrepido»

Milano ai giorni nostri, una città ghiacciata nei suoi parallelepipedi di vetro e metallo dove, instancabile figura dei tempi moderni, consuma la sua forza lavoro Antonio Pane, protagonista del film di Gianni Amelio L’intrepido, un’allusione al giornalino che si vendeva con Il Monello, The Lonely Hero, come viene tradotto internazionalmente. Antonio Albanese abbandona le crudezze che ha saputo creare in certi suoi recenti personaggi specchio della nostra società per guardare lontano, con francescana purezza, a un orizzonte diverso. Il film distilla, sottrae, va al cuore di uno stato delle cose ormai al limite. Cancella i rumori di fondo, le inchieste...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi