closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Speranza sotto il tiro della destra, Draghi lo difende

Governo. Salvini e Fi all’attacco, ma anche ex M5S e, indirettamente, Renzi. Palazzo Chigi smentisce voci di stampa sull’intenzione di sostituirlo

Il ministro della Salute Roberto Speranza

Il ministro della Salute Roberto Speranza

Il fuoco dell’ala destra della maggioranza contro il ministro Speranza non si ferma nonostante lo scudo di Draghi e non si fermerà. Intorno al ministro della Salute ha finito per concentrarsi l’inevitabile guerra propagandistica tra le due anime della maggioranza e Salvini non rinuncia al bersaglio grosso. Rimuovere Speranza significherebbe distruggere l’equilibrio continuità-discontinuità tra questo governo e quello precedente, fare del governo Conte e dunque di tutta la maggioranza che lo sosteneva il capro espiatorio dei guai pandemici del Paese. Significherebbe anche collegare la fine della fase più oscura, che tutti in realtà prevedono imminente, a un cambio della guardia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi