closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Speranza a Fontana: 120 giorni per cambiare la sanità

La relazione dell'Agenas . Bocciato il modello lombardo voluto da Maroni. La riforma dovrà riavvicinare la sanità al territorio e frenare gli interessi privati

Protesta degli operatori della sanità davanti alla Regione Lombardia

Protesta degli operatori della sanità davanti alla Regione Lombardia

Che la sanità lombarda dovesse fare il tagliando nel 2020 era noto. La riforma «sperimentale» della sanità varata nel 2015 dall’allora governatore presidente regionale Roberto Maroni prevedeva infatti una verifica dopo un quinquennio per individuare eventuali correttivi. Quel che Maroni non poteva prevedere è che l’esame sarebbe arrivato in piena pandemia, con il sistema sanitario lombardo messo in ginocchio da un virus. 25 mila morti solo nella regione non potevano non pesare sul risultato. La valutazione è arrivata il 16 dicembre, sotto forma di un’analisi di 73 pagine scritte da un nucleo di esperti dell’Agenzia Nazionale per il Servizi Territoriali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi