closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sotto la cenere blues

Note sparse. «The Dust I Own», il nuovo progetto discografico del bolognese Andrea Laino

Andrea Laino

Andrea Laino

Il bolognese Andrea Laino si è innamorato del blues durante un viaggio a New York. Ci era andato per ascoltare un tributo a John Zorn ed è ritornato posseduto dalla musica del diavolo. Il suo universo sonoro è così caratterizzato da ballate dark e colpi di plettro assassini. Minimal blues. La formazione è essenziale con il leader a voce e chitarre, Gaetano Alfonsi alla batteria e il grande jazzista irregolare Mauro Ottolini al sousaphone. Ottime le trasfigurazioni elettriche e vocali sulle scansioni New Orleans in Can’t Wake Myself Up, la furia quasi punk di Fate of a Gambler e la ciondolante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi