closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sospensione politica del giudice Bitar. Insorgono i familiari delle vittime

Libano. Verità lontana per la strage del porto, mentre gli animi sono inaspriti anche dalla morte di un 35enne, in coma dal giorno dall'esplosione

La protesta per la sospensione del giudice Bitar

La protesta per la sospensione del giudice Bitar

«Non ci ucciderete per la seconda volta» grida uno degli striscioni che i manifestanti hanno srotolato davanti al palazzo di giustizia sotto il controllo di un massiccio schieramento di polizia. Sono in circa 200 i familiari delle vittime dell'esplosione al porto e chiedono che al giudice Tareq Bitar non tocchi la sorte del suo predecessore Fadi Sawwan, rimosso a febbraio perché ritenuto coinvolto emotivamente in quanto casa sua era in uno dei quartieri più colpiti. LUNEDÌ BITAR È STATO SOSPESO in seguito al «legittimo sospetto» di faziosità e cattiva condotta avanzato dall'ex ministro dell'Interno e oggi parlamentare Machnouk e dell'ex...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.