closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sons of Kemet, tra jazz e Africa i suoni della Londra meticcia

Musica. La tappa romana del gruppo guidato da Shabaka Hutchings, un ora e venti minuti di brani dall'impatto aggressivo e ipnotico

Sons of Kemet

Sons of Kemet

Sons of Kemet ha un suono aggressivo, ipnotico, che accumula riff e macina ritmi. All’inizio Shabaka Hutchings (leader tenorista) e il suo quartetto si impongono al pubblico del Roma Jazz Festival con alti volumi, cappelli, le due batterie al centro, ai lati sassofono e tuba (l’eccellente, infaticabile Theon Cross). Il bis – dopo un’ora e venti di concerto tiratissimo – è un’improvvisazione acustica per batteria e tenore, dal suono rotondo: ben diverso dal timbro elettronicamente modificato – tagliente, nasale, a tratti urticante – che Hutchings ha usato, quasi ostentato, per tutto il recital. Successo di pubblico, spettatori soddisfatti, una parte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.