closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Luca Casarini: «Sono colpevole»

Riesco solo ora ad avere accesso ai sistemi di comunicazione. Con l'operazione di polizia di lunedì all'alba, mi hanno sequestrato computer e telefoni, bloccandomi account e ogni cosa. Sono accusato con i miei compagni di una vita di battaglie, del reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, un reato che già per il nome che porta non riconosco e non accetto, né davanti allo Stato né davanti a nessuno. Sono accusato di aver aiutato degli esseri umani a raggiungere un luogo dove non li attendessero campi di concentramento, torture, sevizie, morte. Lo rivendico davanti a chiunque, sono colpevole fino in fondo di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi