closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Somalia, prove di guerra civile nella capitale. Trema Farmajo

Africa. Scontri tra milizie dell’opposizione e forze fedeli al presidente, che si allunga il mandato. I quartieri di Mogadiscio in mano a signori della guerra e agenti «ammutinati» a sostegno del comandante (licenziato) della polizia

Una barricata nelle strade di Mogadiscio

Una barricata nelle strade di Mogadiscio

«La Somalia sta affrontando la sua peggiore crisi politica degli ultimi anni con il rischio di tornare a una guerra civile, che si aggiunge alla minaccia jihadista di Al Shabaab, alla pandemia e alla carestia diventata ormai endemica». Con questo discorso l’emissario Onu per la Somalia, James Swan, aveva riferito venerdì al Consiglio di Sicurezza, riunito d’urgenza, sul deteriorarsi della situazione nel paese. UNA CRISI, QUELLA SOMALA, nata dal mancato svolgimento in febbraio delle elezioni presidenziali e dal prolungamento votato lo scorso 12 aprile dalla camera bassa del parlamento del mandato del presidente Mohammed Abdullahi Mohammed, noto come Farmajo, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi