closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Solo la Guardia indigena difende Cali

Colombia. Prosegue lo sciopero a oltranza contro il governo di Duque. Dalla città epicentro della rivolta l'idea di un «Piano per la Vita». L’aumento della disuguaglianza sociale alla base dell’esplosione della rabbia nella capitale della salsa

Cali, Colombia, 30 aprile 2021,  i manifestanti si proteggono come possono in piazza

Cali, Colombia, 30 aprile 2021, i manifestanti si proteggono come possono in piazza

Dall’inizio delle mobilitazioni in tutta la Colombia, lo scorso 28 aprile, la popolazione di Cali ha salutato l’entrata in città dei camion strabordanti di persone con bandane al collo e bandiere rossoverdi sventolanti, la Guardia Indigena del Cric, il Consiglio Regionale Indigeno del Cauca che riunisce più organizzazioni comunitarie in lotta per difendere i loro diritti e i territori in cui vivono. Così come fecero durante lo sciopero nazionale del 2019 e quello del 2020, anche quest’anno sono arrivati a dare sostegno alla popolazione urbana. Ma questa domenica la carovana umanitaria che accompagnava le manifestazioni nella zona di Jamundí, a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi